“L’attivazione del liceo Coreutico del ‘Tommaso Campanella’ rappresenta una grande opportunità e una battaglia vinta”. Il presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno alla conferenza stampa di presentazione del nuovo indirizzo formativo a Lamezia

17 Luglio 2018

 
 
 
 
 
 
 
CATANZARO – 17 LUGLIO 2018. “L’attivazione del liceo Coreutico del 
‘Tommaso Campanella’ rappresenta una grande opportunità di crescita per 
comprensorio: si tratta del potenziamento dell’offerta formativa che 
abbiamo raggiunto con grande determinazione dopo sette anni di 
battaglia, grazie all’impegno della struttura dell’Amministrazione 
provinciale di Catanzaro e alla determinazione del dirigente scolastico, 
il professor Martello che ringrazio”. E’ quanto ha affermato il 
presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, intervenendo questa 
mattina alla conferenza stampa di presentazione del liceo Coreutico che 
sarà attivato a partire dal prossimo anno scolastico. L’istituto 
superiore lametino, sulla base delle sue caratteristiche strutturali e 
della strumentazione musicale già a disposizione, ha ottenuto la 
convenzione con l’Accademia Nazionale di Danza ed è stata scelta per 
l’attivazione del liceo coreutico, il primo liceo coreutico statale 
della provincia di Catanzaro e uno dei trenta in tutta Italia. E’ il 
percorso formativo per lo studio della danza, del movimento e della 
gestualità corporea, che sarà seguito da docenti provenienti 
direttamente dall’ Accademia Nazionale di Danza.
“Il liceo ‘Campanella’ è una delle scuole di nostra competenza su cui 
abbiamo lavorato di più: si tratta di uno degli istituti con la più 
ampia popolazione studentesca della regione, parliamo infatti di 1.200 
ragazzi – ha spiegato ancora il presidente Bruno -. Arricchire l’offerta 
formativa ha significato mantenere un impegno con il territorio, nella 
fase della redazione del Piano del dimensionamento scolastico che troppo 
spesso ha tenuto conto delle dirigenze più che delle esigenze degli 
studenti e delle loro famiglie. Ma noi abbiamo deciso di interpretare ed 
esercitare la delega al dimensionamento scolastico nella direzione di 
considerare prioritaria la tutela diritto allo studio. Così come ci 
occupiamo con grande impegno e coscienza della sicurezza degli istituti 
scolastici: proprio il liceo Campanella è destinatario di un intervento 
di sette milioni e mezzo di euro che consentiranno il rifacimento e il 
potenziamento dell’immobile. Sulla sicurezza delle scuole di competenza 
provinciale abbiamo investito molto in termini di impegno e risultati 
perché grazie all’attività di progettazione delle nostre strutture siamo 
riusciti ad intercettare finanziamenti regionali, per cui ringrazio il 
presidente della Giunta Mario Oliverio, e nazionali, per un totale di 
venti milioni di euro. E altre risorse stanno per arrivare grazie alla 
partecipazione ad altri bandi nazionali. Tra qualche settimana – ha 
concluso il presidente Bruno – entreremo nella fase progettuale del 
rifacimento del liceo Campanella che affronteremo con il dirigente 
scolastico, lasciando gli studenti nel contesto abituale proprio per non 
turbare l’efficienza didattica di questa scuola ma garantendo la massima 
sicurezza. Nei prossimi giorni ci incontreremo per definire i passi da 
compiere per realizzare al meglio uno dei progetti di edilizia 
scolastica più importanti che la città di Lamezia abbia mai avuto”.
Di “battaglia vinta” ha parlato anche il dirigente scolastico del liceo 
‘Campanella’, il professor Giovanni Martello che ringraziato il 
presidente della Provincia per l’impegno profuso tanto nel perseguimento 
di questo risultato quanto per gli ingenti finanziamenti intercettati 
per il rifacimento dell’istituto scolastico, ringraziamento esteso anche 
alla Giunta regionale guidata dal presidente Mario Oliverio. Alla 
conferenza stampa hanno preso parte anche le docenti dell’Accademia 
Nazionale di danza Monica Fulloni e Giuseppina Ercolani, le docenti del 
Campanella Licia Di Salvo, Lina Serra e Olinda Suriano.