14 Ottobre 2016 - Si rafforza l’intesa tra l’Amministrazione provinciale di Catanzaro e la Fondazione Rocco Guglielmo


Si rafforza l’intesa tra l’Amministrazione provinciale di Catanzaro e la Fondazione Rocco Guglielmo, dopo la firma del protocollo stipulato il 2 aprile 2015 con cui l’Ente intermedio guidato dal presidente Enzo Bruno ha affidato alla Fondazione presieduta dal notaio Rocco Guglielmo la direzione artistica del MARCA. A darne notizia è stato proprio il presidente Bruno nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina al Museo Marca, organizzata dalla Fondazione Armonie d’Arte, diretta da Chiara Giordano, per la presentazione di un progetto integrato di valorizzazione del parco che prevede per il periodo di bassa stagione  anche un programma di conferenze, performance, mostre, visite teatrali,  laboratori per diversi target.

La convenzione firmata questa mattina con la Fondazione Rocco Guglielmo fornisce concreti strumenti per l’avvio e la gestione del sistema rete museale – varato nei mesi scorsi e che nei prossimi giorni si arricchirà della riapertura del Museo Numismatico – e definisce la collaborazione con la Provincia “al fine di dare concreta attuazione ai progetti ed alle attività del Museo MARCA di Catanzaro, secondo la programmazione annuale definita ai sensi del Regolamento istitutivo della rete museale della provincia di Catanzaro, oltre ad occuparsi della programmazione artistica, del coordinamento di tutte le attività che promuovano l'arte contemporanea, attraverso mostre, esposizioni, convegni, conferenze, incontri, performances teatrali, musicali e cinematografiche, tutti eventi di alto profilo culturale, garantendo gli standard di qualità fino ad ora offerti e gestire la comunicazione, di concerto con la Direzione del Museo”.

“Siamo veramente orgogliosi di essere accanto al notaio Guglielmo e alla direttrice Chiara Giordano in questo progetto che rafforza l’idea di cultura che cerchiamo di diffondere e realizzare da quando ci siamo insediati – ha detto il presidente Bruno – vale a dire come opportunità di sviluppo economico e sociale, che nella città di Catanzaro si accompagna in particolare con una valorizzazione della realtà universitaria. Mantenere viva l’attività di musei come lo Scolacium e l’Open Marca al Parco della Biodiversità anche nella stagione autunnale ed invernale rientra nella concezione di turismo destagionalizzato che può portare tanti benefici alla nostra regione e alla nostra provincia”. Il progetto presentato sarà realizzato grazie alla collaborazione del Mibact ente proprietario del sito, della Provincia di Catanzaro e della Fondazione universitaria UMG presenti nell’organo – Comitato di Indirizzo della Fondazione, della partnership con la Ubik di Catanzaro, con la Fondazione Rocco Guglielmo e il Conservatorio di musica di Vibo Valentia,  e naturalmente con l’apporto dei soci della Fondazione armonie d’ Arte e in particolare, per il mondo della lettura, dell’associazione Gutenberg. E proprio a proposito del “Progetto Gutenberg” il presidente Bruno ha anticipato una importante notizia che interessa l’organizzazione dell’evento culturale che si tiene dal 2003 grazie all’attivismo di docenti e studenti del liceo classico “Galluppi”: “Dopo la visita del sottosegretario all’Istruzione Faraone, che durante la sua recente visita ha avuto modo di apprezzare il Progetto Gutenberg dalla voce diretta dei protagonisti, l’impegno assunto per dare al progetto un rilievo nazionale si è concretizzato con un incontro al Ministero dell’Istruzione che ha avvito il percorso che porterà già a maggio questo importante risultato di rendere il progetto nazionale”.